skip to Main Content

Gli antibiotici uccidono tutti batteri?

Gli antibiotici mostrano sempre più limiti. Uso eccessivo e inappropriato tra le cause. Il ritorno di vecchie infezioni. La guida all’uso corretto. I rimedi naturali e le strategie di prevenzione.

Farmaci salvavita

Sono ormai lontani i tempi in cui, in assenza di antibiotici, bastavano infezioni più o meno banali per perdere la vita. All’inizio del Novecento mietevano ancora vittime malattie come tubercolosi, difterite e tetano. Tutto è cambiato negli anni Quaranta con l’arrivo degli antibiotici, che non a caso l’Oms (organizzazione mondiale della sanità) definisce «uno dei pilastri che consentono di vivere più a lungo e in migliori condizioni di salute». Paradossalmente la loro straordinaria efficacia ha contribuito a creare una situazione pericolosa: «Hanno riscosso così tanto successo che sono stati impiegati in modo estensivo e spesso incongruo per l’uomo e gli animali», sottolinea Giampiero Carosi, professore emerito di malattie infettive all’università di Brescia. «Ogni volta che ciascuno di noi ne consuma una dose, esaurisce inevitabilmente una frazione della sua efficacia».

Cosa sono gli antibiotici

Il termine antibiotico deriva dal greco e significa «contro la vita». Si riferisce a un farmaco che, di origine naturale o di sintesi, ostacola o rallenta la proliferazione dei batteri (non dei virus!). Due i tipi principali: battericidi, che uccidono il batterio; batteriostatici, che ne bloccano la riproduzione.
Purtroppo una piccola parte di microrganismi riesce sempre a sopravvivere, grazie alla selezione naturale, e resiste a qualsiasi terapia.
L’antibiotico-resistenza è un problema particolarmente acuto in Italia.

No al fai da te

Spesso vengono usati farmaci avanzati da precedenti terapie. Altre volte non ci si rivolge al medico per una prescrizione, ma si seguono i suggerimenti di amici o parenti, senza pensare che l’antibiotico deve essere mirato sul disturbo. Basti pensare che in determinati casi occorre un antibiogramma per capire quale classe di antibiotici può essere più efficace contro un certo batterio. La scelta quindi non è così semplice, e il fai-da-te in questo campo può essere davvero pericoloso.

Sostieni la Salute attraverso l’attività di sensibilizzazione e informazione. Scopri come puoi aiutarci.pulsante-dona-ora

Share This
Back To Top

Per consentirti la migliore esperienza di navigazione, abbiamo configurato il nostro sito internet in modo da consentire i cookie. Continuando la navigazione, acconsenti all'uso degli stessi. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi