Il carcinoma mammario (CM) è il tumore maligno più frequente nel sesso femminile.

Si stima che nel 2012 i nuovi casi diagnosticati in Italia siano stati circa 46.000.

Anche se dalla fine degli anni ‘80 si osserva una moderata e continua tendenza alla diminuzione della mortalità per CM, questo rappresenta ancora la prima causa di morte per tumore nella popolazione femminile ed il tasso stimato di recidive nei 5 anni successivi la diagnosi è pari a circa il 25%.

Ogni anno in Italia oltre 10.000 pazienti sviluppano recidive o metastasi, con un costo complessivo dell’ordine di 2 miliardi di Euro a carico del Sistema Sanitario Nazionale.

Il progetto Diana 5 è lo Studio di Prevenzione delle Recidive del Tumore al Seno attraverso l’Alimentazione e lo Stile di Vita.

La Fondazione Irccs Istituto Nazionale dei Tumori (INT) di Milano ha progettato uno studio, denominato progetto DIANA 5 che ha l’obiettivo di valutare se una sana alimentazione ed una adeguata attività fisica possano ridurre il rischio di recidive nel carcinoma mammario.

Questo studio è sostenuto e finanziato dal Ministero della Salute attraverso i fondi del programma integrato per l’oncologia, dall’AIRC e dall’Unione Italiana delle Chiese Cristiane Avventiste del 7° giorno grazie all’8 per mille donato all’Associazione di Volontariato Lega Vita e Salute Onlus.

I precedenti studi DIANA, progettati e condotti presso l’INT, hanno dimostrato che riequilibrando la dieta è possibile anche modificare l’ambiente interno e ridurre, nel sangue, la concentrazione di certi fattori che favoriscono lo sviluppo dei tumori della mammella e che ne ostacolano la guarigione.

Lo studio è stato coordinato dalla Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori (INT) assieme all’Istituto Europeo di Oncologia (IEO), in collaborazione con altri centri di Napoli, Palermo, Perugia, Potenza, Torino, Avezzano, Corigliano Calabro ed ha coinvolto 2.000 donne operate per tumore al seno.

Diana 5 è uno studio rivolto a donne operate di tumore al seno negli ultimi 5 anni che non abbiano avuto recidive, disposte a modificare il loro stile di vita. Le partecipanti disposte a seguire le indicazioni ricevute, si sono sottoposte a frequenti esami diagnostici di controllo dai quali è emerso che hanno migliorato i loro valori di colesterolo, trigliceridi, pressione arteriosa. E chi ne aveva bisogno, ha perso peso.

A questo progetto hanno partecipato più di 2.200 donne (800 nel gruppo blu, 800 nel verde e 600 nel gruppo arancione, quello a minor rischio) e i risultati ci saranno nel 2015, data di scadenza della ricerca, quando la raccolta dei dati sarà in grado di dimostrare una volta in più e su base scientifica l’incidenza dello stile di vita e dell’alimentazione sul benessere generale della persona e in maniera particolare nella prevenzione ai tumori.

Tuttavia, gran parte delle partecipanti ha già fatto il primo controllo a un anno da cui è emerso che peso corporeo, circonferenza vita, trigliceridi e colesterolo sono diminuiti significativamente, soprattutto nel gruppo blu, ma anche il gruppo verde si è comportato bene. Delle 300 donne che al reclutamento avevano la sindrome metabolica (definita dalla presenza di almeno 3 dei seguenti 5 fattori: obesità addominale, pressione alta, colesterolo buono basso, e glicemia e trigliceridi alti) ben 120 non l’avevano più dopo un anno. È un buon risultato, ma anche le altre dovranno riuscirci, perché chi aveva la sindrome metabolica ha avuto un rischio doppio di riammalarsi. In totale sono state contate 128 recidive (sommando le recidive sul seno, quelle in altri organi e anche i nuovi tumori mammari), mentre i ricercatori se ne aspettavano 170.

Non si sa ancora quanto questo successo sia dovuto alla dieta e quanto alle terapie più efficaci. Dobbiamo aspettare ancora 2-3 anni per avere i dati che ci permettano di concludere che le donne che riescono a modificare il loro stile di vita si riammalano di meno. Qualunque sarà il risultato sulle recidive, tuttavia, già possiamo dire che grazie a DIANA 5 abbiamo ridotto i fattori di rischio per infarto, ictus cerebrale e diabete.

DIANA WEB nasce come progetto di ricerca rivolto alle donne che hanno avuto una diagnosi di carcinoma della mammella ed ha lo scopo di migliorare la prognosi, attraverso lo sviluppo della consapevolezza che lo stile di vita influenza la crescita tumorale e attraverso l’assunzione di maggiore responsabilità personale nelle misure preventive, nella promozione del benessere quotidiano e nella gestione della malattia.

Nello specifico, DIANA WEB vuole costruire una coorte di donne con diagnosi di CM interessate a completare il quadro delle conoscenze relative alla prevenzione dei fattori di rischio, in relazione alle recidive del CM e alla sopravvivenza. Scopo del progetto è anche quello di valutare la frequenza della sindrome metabolica (SM), che DIANA 5 ha dimostrato associata ad una prognosi peggiore, e contribuire alla sua prevenzione e regressione. Tutto questo per verificare l’ipotesi che un adeguato stile di vita possa ridurre i fattori di rischio endocrino-metabolici conosciuti in merito al tumore al seno e ai suoi secondarismi, per valutare la riduzione delle recidive (locali, a distanza o un secondo CM) o aumentare la sopravvivenza e la qualità di vita in chi avesse già ripresa di malattia.

A questo scopo, in linea con le più autorevoli raccomandazioni Mondiali (WCRF 2014) ed Europee (Codice Europeo con il Cancro 2014), viene proposta un’alimentazione povera in carboidrati raffinati, grassi e proteine, specialmente da cibi animali, ma ricca in cereali integrale, legumi, verdura e frutta (anche secca), sullo stile della dieta mediterranea e macrobiotica e una moderata ma costante attività fisica.

Per ricevere informazioni sui progetti Diana compila il form qui sotto

CAPTCHA
Si prega di attendere ...
Share This

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi