skip to Main Content
Scie Chimiche

Scie chimiche

Raffaele Bucciarelli (Pdci-Prc), consigliere regionale marchigiano, ha presentato un’interrogazione scritta, gennaio 2014, chiedendo un interessamento dell’Arpam (l’Agenzie Regionale per la Protezione Ambientale), per capire se le Marche siano sorvolate “da aerei che rilasciano delle scie di gas, fibre polimeriche o altre sostanze, che potrebbero essere dannose per la salute dei cittadini”.

Nessuna scia tossica. Innanzitutto, occorre dire che cosa siano le lunghe scie che gli aerei si lasciano dietro quando volano: si tratta delle cosiddette scie di condensazione.

Nuvole artificiali che si formano per il vapore acqueo prodotto dalla combustione del carburante nei motori. La persistenza delle scie nel cielo dipende dall’umidità relativa: quando è alta possono durare anche diverse ore. Dunque, non sono fenomeni inspiegabili e pericolosi per la salute ed è stato attestato nel tempo dalla Nasa o, per restare dalle nostre parti, dall’Arpa, che nel 2008 concludeva la propria analisi sulle scie di condensazione affermando che «possono essere interamente spiegate ricorrendo ai normali meccanismi in atto naturalmente nell’atmosfera».

A cura di Massimo Ilari


Sostieni la salute attraverso l’attività di sensibilizzazione e informazione.
Scopri come puoi aiutarci

pulsante-dona-ora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Share This
Back To Top

Per consentirti la migliore esperienza di navigazione, abbiamo configurato il nostro sito internet in modo da consentire i cookie. Continuando la navigazione, acconsenti all'uso degli stessi. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi