skip to Main Content

COLLUTTORI SOTTO ACCUSA

Una metanalisi realizzata da ricercatori australiani ha messo in luce i possibili rischi associati all’uso dei collutori, contenenti alcool, usati per l’igiene orale. Michael McCullough, responsabile del lavoro, sostiene, sulla base di dati riguardanti 3.210 persone, che l’alcol contenuto nei prodotti, aumenterebbero il rischio di sviluppo di neoplasie orali, alla cavità orale, faringe e laringe, indipendentemente dal consumo di alcol o dall’abitudine di fumare, da sempre imputati per il cancro alla bocca. “Se sorseggi un bicchiere di vino – spiega McCullough, a capo dell’Australian Dental Association e docente alla Melbourne University, in un articolo pubblicato sul Dental Journal of Australia – tendi a ingerirlo, mentre il collutorio si tiene più a lungo in bocca trasformandosi in acetaldeide, un noto cancerogeno per l’uomo”. E tra i collutori più diffusi la concentrazione di alcol è addirittura superiore a quella di vino e birra, avverte lo studioso. Secondo gli autori, i prodotti andrebbero classificati come prodotti che necessitano di prescrizione medica, e le confezioni andrebbero provviste di etichette che indicano i rischi per la salute, o sostituite con versioni alcol-free. La posizione di McCullough non è tuttavia condivisa dal mondo scientifico, e sono già stati sollevati dubbi sui criteri adottati dalla ricerca.

Share This
Back To Top

Per consentirti la migliore esperienza di navigazione, abbiamo configurato il nostro sito internet in modo da consentire i cookie. Continuando la navigazione, acconsenti all'uso degli stessi. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi