skip to Main Content
IL NOSTRO MENU’ PER LE FESTE

IL NOSTRO MENU’ PER LE FESTE

Mangiare gustoso è sinonimo per forza di cibi poco salubri e digeribili? Niente affatto. Lo dimostriamo con le ricette qui proposte. Tra recupero di solide tradizioni e moderna scienza alimentare

Una festività, un anniversario, una ricorrenza non è tale se non c’è una bella tavola apparecchiata o perlomeno un buffet. In effetti, una riunione festosa (o triste) tra esseri umani è sempre caratterizzata anche dalla condivisione del cibo, poco o tanto che sia. Di esempi, nella storia, nella tradizione e perfino nella Bibbia, ne abbiamo a bizzeffe. Ma basta che ciascuno ripensi alle occasioni importanti della propria vita come matrimonio, laurea, nascita di un figlio, per trovare conferma del fatto che gioie e dolori sono sempre accompagnati da qualche boccone o, almeno, da un semplice bicchiere d’acqua offerto con affetto.
Le feste di fine anno non fanno certo eccezione. In questi giorni si intrecciano ricorrenze e attese sia laiche sia religiose (il Natale cristiano, il passaggio astronomico del solstizio d’inverno, la festa per la luce ritrovata, ecc.) che portano piccole e grandi comunità come famiglie, scuole, gruppi sportivi, associazioni religiose, colleghi di lavoro, a ritrovarsi, a scambiarsi doni (spesso commestibili) e a mangiare con gusto. Più del solito, naturalmente, perché anche la quantità di cibo è segno importante della festa e perfino del rispetto e dell’attenzione che i padroni di casa hanno verso gli ospiti.
Intendiamoci, i giorni delle feste sono certamente un periodo eccezionale anche da un punto di vista gastronomico-culinario, ma vanno pur sempre vissuti con la consapevolezza che non è mai opportuno mettere la testa sotto la sabbia e prescindere dalle proprie esigenze e dai propri limiti fisiologici. In realtà, specialmente in questi tempi economicamente e socialmente non facili, ricordiamoci di conservare sempre due pizzichi di sobrietà e perfino di attenzione all’ambiente, che rendano gradevole e «sostenibile» qualsiasi ricorrenza.
Natale tutto l’anno
Qualche anziano brontolone, rimpiangendo i bei tempi andati, afferma che «è sempre carnevale». In effetti, non sbaglia di molto. Nel senso che, così come non esiste più la distinzione tra i vestiti della festa e quelli dei giorni feriali, anche a tavola è scomparsa la differenziazione (importante anche per la nostra salute) fra il cibo di tutti i giorni – nutriente, ma nello stesso tempo semplice, povero di grassi e di proteine animali, facilmente digeribile – e i manicaretti delle feste, ben conditi, quindi anche di ben altro impegno digestivo e metabolico. Senza contare che la produzione industriale degli alimenti «festivi» (ravioli e paste ripiene, lasagne al forno, dolci, salse, ecc.) ne ha abbassato enormemente i costi e ci ha liberato dal notevole lavoro di preparazione. Tanto che oggi possiamo tranquillamente mangiare quotidianamente piatti e cibi che sono stati per secoli consumati solo in occasioni particolari, stravolgendo facilmente la capacità di adattamento del nostro metabolismo. Il quale affronta con successo e senza problemi un pasto abbondante e «grasso», ma solo se non diventa una abitudine giornaliera.
Con le mani in pasta
Inoltre, l’abitudine a servirsi troppo spesso cibo industriale, pronto da cuocere o da mangiare, riduce di fatto le nostre abilità in cucina. Se siete capaci di preparare la pasta al forno partendo dalla sfoglia fatta in casa e dalla besciamella realizzata con le vostre mani, sappiate che, se non coinvolgete in questa operazione figli e/o nipoti tramandando esperienza, piccoli trucchi e passione, tra qualche anno i vostri discendenti non potranno far altro che recarsi tristemente in rosticceria o al banco del supermercato. Almeno durante queste feste, mettete dunque di buona lena le mani in pasta, a garanzia della qualità del cibo, della salute del vostro corpo, dell’equilibrio psicofisico dei vostri figli e nipoti. E, naturalmente, anche della gioia e del piacere dei vostri ospiti.

Se vuoi approfondire questo tema
invia una mail: info@vitaesalute.net

Share This
Back To Top

Per consentirti la migliore esperienza di navigazione, abbiamo configurato il nostro sito internet in modo da consentire i cookie. Continuando la navigazione, acconsenti all'uso degli stessi. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi