skip to Main Content
Per Fare Amare Le Alghe

Per fare amare le alghe

Le grandi proprietà di un vegetale. Alla portata di tutti

Siete convinti che le alghe siano un alimento superlativo dal punto di vista nutrizionale. Siete anche certi che vi possano far fare una bella figura anche dal punto di vista gastronomico. Eppure, appena fate cenno che intendete usare le alghe nella realizzazione della tal ricetta assistete a una generale smorfia di disgusto. «Io quella roba lì non la mangio».
Vi descrivo queste scene con una certa dovizia di particolari semplicemente perché ci sono passato. Tuttavia, dopo un adeguato percorso di avvicinamento, adesso nessuno si lamenta più se inserisco qualche pizzicone di alghe in diversi piatti. Devo solo farlo con una certa prudenza…
Vi propongo, a questo proposito, qualche suggerimento.

  1. Prendetela alla larga e scegliete, per cominciare, il tipo di alghe con un sapore neutro e il tipico sentore «di mare» praticamente inesistente: le arame. Si presentano come sottili filamenti neri e sono ricche e salutari come le altre maggiormente saporite e, soprattutto, più vistose.
  2. Potete iniziare a inserirne un pizzico nei minestroni di verdura. Se poi, a cottura ultimata, frullerete il tutto, non sarà nemmeno necessario dichiarare l’origine di quei «pezzettini neri» che si aggirano tra carote, fagioli e sedano.
  3. Dopo aver informato (con cautela) che nei due o tre meravigliosi minestroni tanto apprezzati nelle settimane precedenti erano presenti anche le temute alghe, provate (ancora senza dichiararlo) a inserirne il solito pizzico (sbriciolatele prima, però) nelle verdure verdi stufate (coste, catalogna, ecc.). Il colore scuro e le piccole dimensioni dei frammenti di alghe consentiranno loro di mimetizzarsi senza problemi.
  4. A questo punto, dopo aver fatto osservare che il cibo integrato con alghe è eccellente (e che le alghe marine in polvere sono un ingrediente importante del sale aromatizzato alle erbe che tutti utilizzano volentieri), il ghiaccio dovrebbe essere rotto.
  5. Cimentatevi allora con la ricetta seguente.

Carote con arame

Per 4 persone
4 carote piuttosto grosse
una manciata di alghe arame
una manciata di mandorle spellate
un cucchiaio di uvetta
olio extravergine d’oliva
sale

Mettete a bagno le alghe e l’uvetta per 20 minuti. Pulite e tagliate le carote a fiammifero. Mettete le carote in una padella unta con poco olio e fatele appassire mescolando frequentemente. Scolate le alghe e l’uvetta e aggiungetele alle carote; affettate a scagliette le mandorle e unitele alle altre verdure. Aggiungete un po’ dell’acqua di ammollo delle alghe e fate cuocere ancora per 20-30 minuti. Salate solo se necessario. Eccellente accompagnamento per il pane integrale oppure per il riso integrale.

Le info in più
Più ferro della carne

Le alghe sono un alimento eccellente, ma anche un valido complemento terapeutico per la loro ricca composizione nutrizionale. Sono abbondanti i minerali: iodio (fino all’1 per cento del peso secco), magnesio, potassio, calcio (6-14 volte più che nel latte), alluminio, manganese, ferro (5 volte più che nel tuorlo d’uovo e 10 volte più che nella carne di manzo), fosforo, zolfo, rame, nichel, oro, zinco, cobalto, stronzio, titanio, ecc. Le alghe contengono molte vitamine (A, B1, B2, B3, B6, C, D, E, K, PP), proteine con aminoacidi pregiati, amidi, clorofilla, acidi grassi essenziali di tipo polinsaturo e perfino sostanze ad attività antibiotica. Ottime in tutti i casi di rallentamento del metabolismo, demineralizzazione, stanchezza, anemia, reumatismi, obesità, invecchiamento, allergie, affezioni respiratorie, alterazioni cutanee, ipercolesterolemia, arteriosclerosi, ecc.


 

 

Sostieni la salute attraverso l’attività di sensibilizzazione e informazione.
Scopri come puoi aiutarci

pulsante-dona-ora

Share This
Back To Top

Per consentirti la migliore esperienza di navigazione, abbiamo configurato il nostro sito internet in modo da consentire i cookie. Continuando la navigazione, acconsenti all'uso degli stessi. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi