skip to Main Content
Progetti Di Risparmio Energetico

Progetti di risparmio energetico

In tempi di crisi, risparmio e tutela dell’ambiente vanno d’accordo..

Lo ricordano progetti come quello di Altroconsumo, che ha lanciato la campagna «Controcorrente» per promuovere il risparmio energetico attraverso la scelta e l’uso appropriato degli elettrodomestici.
Per una lampadina in più – un rubinetto aperto, o un apparecchio lasciato in stand by -che differenza vuoi che faccia? Sono in tanti a ragionare così: «E invece la differenza c’è, eccome», spiega l’architetto Gaetano Fasano dell’Enea. «In Italia ci sono circa 18 milioni di appartamenti occupati. Se facciamo le somme ci rendiamo conto che anche un risparmio minimo va a incidere con forza sui consumi e sull’economia. Dobbiamo renderci conto che siamo un tassello di un ingranaggio più complesso». La situazione lo impone: i consumi indiscriminati hanno un costo non più sostenibile, per le nostre tasche ma soprattutto per il pianeta.

La cosa più semplice ovviamente è progettare ex novo una casa «risparmiosa», con un corretto isolamento e fonti alternative di produzione di energia. E anche chi deve comprare elettrodomestici nuovi parte in vantaggio perché consumano meno, anche se le nostre case sono piene di dispositivi elettronici come mai prima d’ora. E alcune mode, come quelle di produrre televisori sempre più grandi, inducono a un aumento dei consumi: lo ricorda Legambiente nella sua guida on line al risparmio energetico «Vivi con stile» ( www.viviconstile.org).
Ma si può risparmiare anche senza investire in ristrutturazioni e tecnologie, semplicemente abbandonando qualche brutta abitudine.

  • Spegnendo completamente gli apparecchi – tv, dvd, decoder. Secondo i calcoli dell’Eni, evitando lo stand by si può arrivare a risparmiare l’8 per cento del consumo annuo di energia elettrica. Possiamo farlo, per esempio, collegando i diversi apparecchi a una ciabatta dotata di interruttore in modo da poterli spegnere tutti contemporaneamente.
  • Per l’illuminazione domestica, la prima cosa da fare è evitare gli sprechi e utilizzare delle lampadine fluorescenti a basso consumo(costano di più ma la riduzione di consumo – fino all’80 per cento in meno – consente di ammortizzare facilmente il maggior costo di acquisto). Inoltre pulire regolarmente abatjour e lampadari: la quantità di luce emessa può ridursi fino al 20 per cento a causa di polvere, fumo, vapori e grassi della cucina.

Scegliete accuratamente gli elettrodomestici sulla base della loro classe di consumo. Si possono poi attuare alcuni accorgimenti:

  • Il frigorifero per esempio deve essere posizionato in maniera corretta, leggermente separato dal muro e lontano da fonti di calore come fornelli o radiatori
  • riempitelo correttamente, evitando di inserire cibi caldi, e regolando la temperatura senza eccessi.
    Per le lavatrici e lavastoviglie il modo migliore per risparmiare energia è curare al massimo la manutenzione, utilizzare gli apparecchi a pieno carico ed evitare i lavaggi a temperature troppo elevate.

Per quanto riguarda l’acqua abbiamo qualche altro consiglio:

  • evitare di farla scorrere quando non serve
  • Per riscaldare l’acqua, il metodo più efficiente dal punto di vista energetico è la caldaia a gas, molto più economica dei tradizionali boiler elettrici che sono l’elettrodomestico che consuma di più.

Nell’ambito del riscaldamento degli ambienti, oltre all’efficienza degli apparecchi lo strumento più efficace è il buonsenso: non ha senso tenere i caloriferi al massimo per poi aprire la finestra o stare in maglietta, così come refrigerare gli uffici d’estate costringendo chi ci lavora a tenere il maglione addosso. Il riscaldamento o il condizionamento troppo alti oltre ad essere uno spreco generano malessere.

Risparmiare al volante è possibile, non solo, come è ovvio, acquistando un’auto risparmiosa (info: www.ecodrive.org):

  • evitare scatti ed eccessi di velocità. Secondo le regole di risparmio dell’iniziativa di Eni 30percento, mantenere una velocità di 110 kmh in autostrada anziché 130 può far risparmiare fino al 30 per cento del carburante e la perdita di tempo – ammesso che si abbia fretta – è davvero contenuta, circa 8 minuti su un tragitto di 100 chilometri.
  • In città invece la cosa più importante è mantenere un’andatura «morbida» e regolare evitando per quanto possibile brusche accelerazioni – in questo modo è possibile risparmiare il 10 per cento circa dei consumi – e utilizzando le marce più alte consentite dalla velocità. Bisogna poi evitare di consumare benzina quando non necessario.
  • I motori moderni consumano circa 0,5 litri di carburante l’ora anche quando sono fermi, meglio quindi non far scaldare il motore a veicolo fermo premendo sull’acceleratore, e spegnere il motore in caso di soste superiori ai due minuti, un accorgimento che gli italiani – secondo un’indagine inglese – sarebbero particolarmente restii ad adottare. Oltre a far risparmiare benzina poi – ricordano anche gli esperti di Legambiente – questi accorgimenti contribuiscono a ridurre l’inquinamento acustico e quello atmosferico.
  • accertarsi che la pressione degli pneumatici sia quella giusta.
  • scegliere lubrificanti e pneumatici fuel saver, appositamente realizzati per contenere il consumo di benzina – con un risparmio complessivo di circa 130 euro l’anno
  • non sovraccaricare l’auto con pesi inutili, come le catene da neve durante i periodi estivi, ed evitare elementi che possano alterare l’aerodinamica del veicolo quando non strettamente necessari: portapacchi e portasci incrementano il consumo del 5-8 per cento, contenitori aerodinamici di bagagli del 16 per cento, pacchi ingombranti scoperti anche del 40 per cento.
  • E naturalmente non eccedere nell’uso dell’aria condizionata che, oltre a far male, può portare a consumi anche del 20 per cento più elevati

    Sostieni la Salute attraverso l’attività di sensibilizzazione e informazione. Scopri come puoi aiutarci.pulsante-dona-ora

Share This
Back To Top

Per consentirti la migliore esperienza di navigazione, abbiamo configurato il nostro sito internet in modo da consentire i cookie. Continuando la navigazione, acconsenti all'uso degli stessi. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi