skip to Main Content
TARASSACO MARINATO

TARASSACO MARINATO

«In saòr» sono definiti dai veneti questi piatti leggermente agri nei quali l’aglio, gli aromi e un goccio d’aceto servivano soprattutto per prolungarne la conservazione. Nella cucina tradizionale di queste terre si applica questo trattamento al pesce, ma anche al radicchio di Treviso, ai fagioli, alla zucca.

1 kg di tarassaco
3 spicchi di aglio§
4 cucchiai d’olio extravergine d’oliva
4 cucchiai di aceto di mele
un rametto di rosmarino
3-4 foglie di salvia
un cucchiaio di uvetta
un cucchiaio di pinoli
3 cucchiai di pane grattugiato
2 cucchiai di latte di avena
sale

Sbollentate il tarassaco in pochissima acqua salata e scolatelo.
Sbucciate l’aglio e pestatelo grossolanamente nel mortaio insieme a un pizzico di sale.
Fate scaldare l’olio, aggiungete l’aglio pestato, l’aceto di mele, l’uvetta, i pinoli e gli aromi.
Quando l’aceto è quasi del tutto evaporato, condite con questo sugo il tarassaco.
Coprite e lasciate riposare la pietanza per mezza giornata perché i sapori si amalgamino.
Prima di servire il tarassaco come contorno (eccellente a fianco di un paio di fette di polenta abbrustolita) cospargetelo con il pane grattugiato preventivamente inumidito con il latte vegetale.

 

Share This
Back To Top

Per consentirti la migliore esperienza di navigazione, abbiamo configurato il nostro sito internet in modo da consentire i cookie. Continuando la navigazione, acconsenti all'uso degli stessi. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi