skip to Main Content
Turbamenti Da Vaccini

Turbamenti da vaccini

Le accuse degli anti-vaccinisti all’Oms sono molteplici.
Non c’è intenzione di avviare studi sugli effetti a lungo termine dei vaccini e essendo il vaccino un farmaco provvisto di controindicazioni, andrebbe valutato a chi e quando somministrarlo: i sospetti cadono su malattie allergiche e autoimmuni (presenza di conservanti e additivi) fino ad arrivare a patologie neurologiche come l’autismo.

Il dott. Eugenio Serravalle (autore di due pubblicazioni: Bambini super-vaccinati – Il Leone Verde € 20 e Tutto quello che occore sapere prima di vaccinare il proprio bambino – Edizioni studi interiori € 9) esprime il suo giudizio sul deficit di informazioni fornite agli utenti: “Difettano ricerche indipendenti promosse dal ministero” e critica la reale efficacia del vaccino esavalente, che viene somministrato inoculando assieme ai 4 vaccini obbligatori (Antipoliomielite, Antitetanica, Antiepatite B e Antidifterica) l’Antipertosse e quello contro l’haemophilus B.
Con alle spalle una esperienza trentennale in pediatria, testimonia che la salute dei bambini non vaccinati è migliore di quella dei vaccinato. Inoltre testimonia che su 120 bambini in cura da lui e NON vaccinati, 90 hanno sviluppato anticorpi contro il tetano, mentre per alcuni casi di trattamenti con esavalente non sono stati rilevati.

Lo schieramento dei pro-vaccino al contrario si mostra preoccupato del calo di vaccinazioni registrato nel 2014 con una percentuale di bambini vaccinati contro la polio del 94,3% e con il trivalente (morbillo-rosolia-parotite) dell’87%.

Il ministro della salute Beatrice Lorenzin lo ha definito “allarme e un problema serio di sanità pubblica” e gli esperti rafforzano: “un bambino che entra nella comunità senza vaccini mette in pericolo i compagni” (in california i bimbi non vaccinati sono tenuti a studiare a casa).
Il dott. Carlo Signorelli (presidente Società italiana di igiene, medicina preventiva e sanità pubblica) ritiene infatti che è necessatio recuperare la fiducia della popolazione con formazione, informazione e estensione dell’offerta vaccinale.

L’Oms è forte di studi scientifici, che rispondono a una parte del quesito: non c’è alcuna associazione tra la somministrazione del vaccino trivalente (facoltativo) e autismo, lo ha dimostrato uno studio su 100 mila bambini in Virginia (condotto dal Lewin Group).

Sono solo 5 i paesi europei a mantere l’obbligo vaccinale, in Italia la polemica sta producendo effetti diversi: “Mancano studi indipendenti e non finanziati dalle case farmaceutiche”, “Qualcuno deve spiegare le ragioni dell’aumento di allergie e malattie autoimmuni”.

 

Sostieni la salute attraverso l’attività di sensibilizzazione e informazione.
Scopri come puoi aiutarci

pulsante-dona-ora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Share This
Back To Top

Per consentirti la migliore esperienza di navigazione, abbiamo configurato il nostro sito internet in modo da consentire i cookie. Continuando la navigazione, acconsenti all'uso degli stessi. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi