skip to Main Content

UN SENO AL NATURALE

Il seno significa tante cose per una donna: un organo che dà la vita al proprio bambino, ma anche un simbolo di femminilità e di sex appeal. Sono ragioni più che sufficienti per dedicare un’attenzione particolare a questo delicato organo del corpo.
Negli ultimi decenni, i media hanno promosso un modello di bellezza femminile che prevede seni abbondanti e sodi, e un corpo magro e ben modellato. Ci sono donne che, per via della loro costituzione fisica, non potranno mai aspirare a quel tipo di bellezza, nemmeno con l’aiuto della chirurgia estetica. Invece di scoraggiarsi o deprimersi, le donne dovrebbero ammettere che il seno sodo e voluminoso è una moda tipica della società occidentale del nostro tempo e dunque attribuirgli un valore relativo.
Una donna preoccupata del proprio aspetto dovrebbe rincorrere prima di tutto una salute basata su una buona alimentazione e uno stile di vita sano, come anche un atteggiamento positivo. Ciò non impedisce di dare alcuni suggerimenti efficaci per arrestare la flaccidità del seno che troverete in queste pagine. In fondo, l’attrazione personale non deriva dalle forme geometriche del corpo, ma piuttosto da una certa attitudine alla vita. La vera bellezza, non è retorica, sgorga dall’interno. Ecco alcuni suggerimenti.

Scelte quotidiane
Non troppo stretto
Un reggiseno deve sostenere, non comprimere. Quelli troppo stretti di solito sono imbottiti con materiale sintetico, limitano la circolazione e indeboliscono il tessuto mammario. Un reggiseno è da ritenersi troppo stretto quando una sua qualsiasi parte provoca arrossamento o irritazione della pelle. Quando si va a dormire, è bene toglierselo o, in caso di seno molto abbondante, indossarne uno più morbido.
Evitare l’esposizione eccessiva al sole
La pelle del seno è molto sensibile e quando viene esposta eccessivamente ai raggi del sole perde la sua elasticità, facendola diventare cadente.
Per esposizione eccessiva si intende rimanere oltre un’ora al sole con la pelle nuda.
Evitare l’umidità
La piega mammaria (spazio sotto le mammelle quando sono grandi o flaccide) dovrebbe sempre rimanere asciutta, soprattutto in estate. L’umidità causata dalla sudorazione può favorire, specialmente nelle donne diabetiche, lo sviluppo di funghi e batteri, che si manifestano con arrossamento e bruciature.
Per evitare l’umidità sotto le mammelle, si raccomanda di:
. Usare un reggiseno adatto che tenga il seno sollevato.
. Eliminare il sudore con una garza o un panno di cotone.
. Applicare della polvere di talco e pulire la zona diverse volte al giorno, asciugandola completamente con un asciugamano.
Seguire una dieta povera di grassi animali
Il grasso animale è il principale nemico del seno. Oltre a favorire lo sviluppo del cancro, è associato anche alla mastopatia fibrocistica (comparsa di noduli dolorosi nelle mammelle).
Seguire un regime alimentare povero di grassi significa ridurre o eliminare i seguenti cibi:
. Carne in generale, soprattutto prosciutto e insaccati.
. Formaggio stagionato (contenente fino al 60 per cento di grassi).
. Burro, panna fresca e panna montata.
. Pasticceria e dolciumi.
Integratori nutritivi
Gli integratori di vitamina E, come gli oli di enotera e di borragine, attenuano il tipico dolore premestruale al seno e il disagio associato alla mastopatia fibrocistica.

Dolci trattamenti
Il seno trae beneficio dall’azione di agenti fisici come il calore, il freddo o il massaggio. Prima di optare per la chirurgia plastica, vale la pena provare una cura naturale per il seno.
Impacco sui seni
L’effetto dell’impacco sui seni dipende dalla temperatura.
Impacco caldo. Ha un lieve effetto antinfiammatorio. Si consiglia per attenuare il dolore in caso di mastopatia fibrocistica.
Impacco freddo. Consigliato per frenare la caduta del seno. Stimola la turgidezza delle ghiandole mammarie, tonifica le fibre elastiche e rafforza il tessuto cutaneo circostante.
Liquido per impacco
L’impacco viene fatto immergendo un panno o una garza in un liquido caldo, che può essere:
. Acqua di mare o acqua salata (9 g di sale per litro d’acqua, equivalente a circa due cucchiaini colmi di caffè).
. Preparato a base di coda cavallina (Equisetum arvense), con 100-150 g di erba per litro d’acqua. La coda cavallina è ricca di silicio, un minerale che stimola la rigenerazione delle fibre collagene della pelle.
. Preparato a base di hamamelis (Hamamelis virginiana), con 30 g di foglie per litro d’acqua. Migliora la circolazione e tonifica il tessuto delle mammelle.
Temperatura: L’acqua o il preparato deve essere a temperatura ambiente o leggermente caldo, tra 30 e 40°C.
Durata: da 10 a 15 minuti.
Dopo: asciugare il seno e applicare una crema emolliente sulla pelle.
Frequenza: una o due volte al giorno.

Con la doccia e i massaggi
Una doccia di acqua fredda sui seni tonifica i tessuti mammari e favorisce la levigatezza. Deve essere fatta la mattina dirigendo il flusso di acqua fredda su ciascun seno, con movimenti circolari.
Temperatura: fredda, così come esce dal rubinetto, senza scaldarla.
Durata: da 1 a 2 minuti.
Dopo: asciugare bene i seni e applicare una crema emolliente sulla pelle.
Frequenza: una o due volte al giorno.
Massaggio al seno
Come nel caso di ogni altro tipo di massaggio, quello al seno favorisce il drenaggio del sangue che circola nelle vene e la circolazione della linfa. In questo modo, migliora il nutrimento e la stabilità del tessuto.

 

Se vuoi leggere l’articolo completo,
invia una mail: info@vitaesalute.net

Share This
Back To Top

Per consentirti la migliore esperienza di navigazione, abbiamo configurato il nostro sito internet in modo da consentire i cookie. Continuando la navigazione, acconsenti all'uso degli stessi. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi